Cerca
Close this search box.

Cervello quantico: scopri cos’è, il suo significato e come attivarlo tramite l’ipnosi

cervello quantico

I fenomeni mentali influenzano il mondo materiale. Cosa significa esattamente? L’unico modo per affrontare il concetto di cervello quantico è quello di acquisire una comprensione almeno rudimentale della fisica quantistica, detta anche meccanica quantistica (MQ), poiché stiamo parlando di un concetto piuttosto complesso.

Cos’è il cervello quantico e i concetti che sono alla base

La fisica quantistica si occupa dello studio delle particelle a livello atomico e subatomico, è complessa, paradossale e difficile da comprendere se si è troppo legati alla fisica classica newtoniana. Max Born coniò il termine nel 1924.

La teoria pone limiti fondamentali all’accuratezza con cui possiamo misurare la posizione e la velocità delle particelle, sostituendo la certezza classica con l’incertezza probabilistica.

Quindi, per comprendere il concetto di concetto di cervello quantico, bisogna abbandonare i propri legami con la fisica del liceo e fare un passo in un universo sconosciuto.

Un po’ di storia. Negli anni Venti e nei primi anni Trenta, i fisici scoprirono quella che è stata definita la dualità onda-particella, un concetto fondamentale della meccanica quantistica che ci dice che le particelle elementari, come i fotoni e gli elettroni, possiedano le proprietà sia delle particelle che delle onde.

La cosa ancora più strana è che gli aspetti particellari e ondulatori non possono essere separati, ma si completano a vicenda. Niels Bohr vedeva questa complementarità come il risultato inevitabile dell’interazione tra un fenomeno e l’apparato utilizzato per misurarlo.

La fisica quantistica o meccanica quantistica (MQ) ha confermato che gli atomi e le particelle subatomiche non sono oggetti realmente solidi, non esistono con certezza in luoghi spaziali definiti e in tempi definiti. Insomma, la materia non è solida come si pensava.

Oggi sappiamo, infatti, che l’atomo è quasi completamente vuoto, tranne che per una nuvola vorticosa di particelle subatomiche in movimento come fotoni, elettroni, neutrini, quark, etc..

I ricercatori hanno scoperto che particelle come gli elettroni sono legate all’osservatore – il fisico, l’apparecchio e il metodo di osservazione.

Gli scienziati hanno ipotizzato che la coscienza dell’osservatore influisca sugli eventi fisici osservati e che i fenomeni mentali influenzino il mondo materiale.

Studi recenti supportano questa interpretazione e suggeriscono che il mondo fisico non è più la componente primaria o unica della realtà, né può essere pienamente compreso senza fare riferimento alla mente.

Cervello quantico: scopri cos'è, il suo significato e come attivarlo tramite l'ipnosi

La forza della meccanica quantistica e il suo significato in Psicologia (con situazioni e frasi di esempio)

Particelle subatomiche, atomi o addirittura intere molecole possono presentare interferenza, una proprietà classica delle onde, in cui due picchi si rafforzano a vicenda quando si sovrappongono.

Gli effetti quantistici come l’interferenza dipendono dal fatto che le funzioni d’onda di entità diverse sono coordinate (si dice che siano coerenti) tra loro.

Se una particella quantistica interagisce con un’altra, si connette e si lega in una sovrapposizione composita. Si dice che i due oggetti sono entangled.

Le particelle entangled sono intimamente unite dal giorno in cui sono state create. A prescindere dalla distanza che le separa, sia essa la larghezza di un banco di laboratorio o l’ampiezza dell’universo, esse si rispecchiano l’una nell’altra. Sorprendentemente, qualsiasi cosa accada all’una si ripercuote istantaneamente sull’altra e viceversa.

Jian-Wei Pan, fisico dell’Università della Scienza e della Tecnologia della Cina a Shanghai, lo ha dimostrato in un nuovo studio.

Pan e il suo team hanno prodotto fotoni entangled su un satellite in orbita a 300 miglia sopra la terra e hanno teletrasportato queste particelle in due diversi laboratori a terra a 750 miglia di distanza l’uno dall’altro, il tutto senza perdere lo strano legame delle particelle.

La distanza precedente per il cosiddetto teletrasporto quantistico o per l’invio di informazioni tramite particelle aggrovigliate era di circa 140 chilometri.

Al momento, gli scienziati non riescono ancora a spiegare come le particelle siano separate ma collegate. Einstein, che non è un amico della meccanica quantistica, ha definito l’entanglement come “azione spettrale a distanza”. E di spettro si tratta.

Essere in due stati contemporaneamente non è un fenomeno sconosciuto alla psicologia umana. Chi non ha avuto l’esperienza di discutere nella propria mente due opzioni contrarie, come ad esempio: “Devo scrivere questa lettera di reclamo o no?”.

Una parte di te dice: “Che vadano all’inferno!” e si schiera a favore della scrittura della lettera. L’altra ti mette in guardia: “Pensa alle conseguenze”. Questa discussione può durare pochi secondi, minuti oppure ore.

Alla fine si decide una linea d’azione. Per descrivere questo tipo di situazione spesso diciamo: “Ero combattuto”.

Forse hai sentito parlare del sogno lucido. Nel pensiero orientale, coltivare la capacità del sognatore di essere consapevole che sta sognando è fondamentale sia per la pratica buddista tibetana dello yoga del sogno sia per l’antica pratica indiana indù dello yoga nidra.

Per chi non ha familiarità con il termine, un sogno lucido consiste nel fare un sogno durante il sonno e sviluppare la capacità di controllare il sogno in qualche modo.

Il sognatore deve lasciare che il sogno continui, ma deve essere abbastanza consapevole da ricordare che si tratta di un sogno. Questo obiettivo può essere raggiunto con la preparazione e la pratica. Molti psicoterapeuti utilizzano il sogno lucido come parte integrante della terapia.

L’individuo che pratica il sogno lucido è, in quel momento, due persone con due menti. Una sta sognando, mentre l’altra interroga o dirige l’azione nel sogno.

E, naturalmente, avrai visto o almeno sentito parlare del classico film del 1957 sulle personalità multiple, “I tre volti di Eva”. Soffrendo di mal di testa e di inspiegabili vuoti di memoria, la timida casalinga Eve White (Joanne Woodward) inizia a frequentare uno psichiatra, il dottor Luther (Lee J. Cobb).

Questi rimane sbalordito quando la donna si trasforma davanti ai suoi occhi nella lasciva Eve Black e le diagnostica una personalità multipla. Non passa molto tempo prima che ne compaia una terza, che si fa chiamare Jane. Il film è basato sulla storia vera di Chris Costner Sizemore, nota anche come Eve White.

Il potere del cervello quantico: da dove nasce la coscienza? Ricerche e opinioni scientifiche

Uno dei misteri umani più duraturi è il motivo per cui possediamo una coscienza senziente. A livello fisiologico, abbiamo una buona conoscenza del fatto che la coscienza è guidata da impulsi elettrici e segnali chimici tra i neuroni del cervello. Tuttavia, le regioni del cervello responsabili dell’esperienza riflessiva sono ancora oggetto di dibattito.

Tuttavia gli scienziati non hanno ancora capito perché gli stessi elementi essenziali dell’universo possano unirsi per formare un oggetto inanimato come una roccia o una struttura organica altamente complessa come il cervello umano.

Risolvere la questione di cosa fa sì che il cervello umano si unisca per formare l’oggetto più sofisticato dell’universo conosciuto si è rivelato un problema impegnativo.

In un nuovo intrigante studio, i fisici che utilizzano macchine per la risonanza magnetica modificate affermano di aver trovato un entanglement quantistico tra il cuore e il cervello.

Questi risultati suggeriscono che il cervello umano, operando come un sistema quantistico, potrebbe essere la chiave per risolvere l’elusivo e difficile problema della coscienza.

La comprensione del regno della meccanica quantistica è un enigma altrettanto misterioso e inquietante quanto lo sconcertante problema della coscienza.

Alla scala macroscopica o al mondo più ampio con cui interagiamo quotidianamente, gli oggetti sono ben definiti e possono essere misurati con precisione secondo i principi della fisica classica.

Tuttavia, a livello microscopico, le cose diventano improvvisamente imprevedibili, con atomi, elettroni o particelle che dimostrano la capacità di mostrare caratteristiche sia di onde che di particelle senza una posizione fissa. Questo è il bizzarro mondo della meccanica quantistica.

Nell’ambito di una proposta chiamata “teoria della mente quantistica”, alcuni hanno proposto che la meccanica quantistica, e fenomeni bizzarri come l’entanglement e la sovrapposizione, possano in ultima analisi contenere la chiave per rispondere al difficile problema della coscienza.

Questa teoria non ha ancora ottenuto molto seguito nella comunità scientifica: la maggior parte dei neuroscienziati e dei fisici ritiene che la coscienza si manifesti attraverso la fisica classica e non a livello quantistico.

La verifica della teoria quantistica della mente è un’impresa impegnativa anche perché richiede la possibilità di misurare l’attività cerebrale a livello microscopico.

Non scoraggiati da questa ardua sfida, il dottor Kerskens e il dottor David López Pérez dell’Accademia polacca delle scienze, hanno deciso di prendere in prestito un modello sperimentale tipicamente utilizzato per esplorare la gravità quantistica per vedere se le prove del comportamento quantistico potessero essere rilevate nel cervello.

Nel loro esperimento, Kerskens e Pérez hanno scansionato 40 soggetti utilizzando macchine per la risonanza magnetica (MRI).

La risonanza magnetica utilizza potenti magneti per far allineare le particelle magnetiche del corpo, consentendo di osservare i movimenti interni della materia, in genere con estrema precisione.

Tuttavia, i ricercatori hanno modificato le macchine in modo che la risonanza magnetica producesse un segnale simile alla radio statica, anziché fornire un segnale chiaro. Hanno quindi monitorato il fluido che si accumula naturalmente nel cervello, che contiene spin protonici rilevabili dalla risonanza magnetica.

Esaminando la risonanza magnetica statica, i ricercatori hanno iniziato a rilevare segnali provenienti dal cuore chiamati “potenziali evocati dal battito cardiaco”.

Questi risultati sono stati sorprendenti perché il cervello controlla la funzione cardiaca attraverso i rami simpatico e parasimpatico del sistema nervoso autonomo. A causa di questa relazione unica, questi tipi di segnali del battito cardiaco non sono tipicamente rilevabili attraverso la risonanza magnetica.

Kerskens e Pérez ipotizzano di poter rilevare i segnali del battito cardiaco attraverso la risonanza magnetica statica perché gli spin dei protoni nel cervello e nel cuore sono “entangled”, un processo caratteristico della meccanica quantistica.

Secondo questa ipotesi, ciò potrebbe significare che il cervello funziona come un computer quantistico, mediando i protoni entangled a livello quantistico.

Forse offrendo un altro indizio del ruolo della meccanica quantistica nella soluzione del difficile problema della coscienza, in alcuni casi in cui i partecipanti allo studio si sono addormentati e hanno perso conoscenza mentre erano ancora monitorati dalla risonanza magnetica, i ricercatori hanno scoperto che i segnali del battito cardiaco non erano più rilevabili.

cervello quantico charlie fantechi

Come attivare il cervello quantico con l’ipnosi

Come si può intuire, così come ogni persona è unica, lo sono anche le sedute di ipnosi. Quando parliamo di Tecnica di ipnosi di guarigione quantistica parliamo di una tecnica in grado di attivare il cervello quantico.

Si tratta di immergersi in uno stato theta, in cui la mente cosciente passa in secondo piano. E quando ci si sveglia, si è particolarmente sorpresi di sapere cosa è successo. Ascoltando le registrazioni, in genere, si rimane sbalorditi.

Ma ci sono molte persone che hanno la mente cosciente presente e attiva anche sotto ipnosi e l’operatore deve invitare la mente cosciente a ritirarsi silenziosamente sullo sfondo per permettere alla mente subconscia di parlare.

Questo tende a verificarsi maggiormente nelle persone che hanno molta dimestichezza nel controllare ogni genere di cose nella propria vita. Ci vuole un po’ di pratica per far parlare entrambe le menti.

È da evitare una situazione in cui la mente cosciente di chi è sotto ipnosi mantenga ostinatamente il controllo durante la trance, mettendo così a tacere il suo subconscio, perché è lui che possiede le informazioni che cerchiamo durante le sedute di ipnosi.

A volte capita anche nella mente della persona ipnotizzata si individui una sorta di “folla virtuale” che partecipa, mentre la mente cosciente del soggetto vede e sente tutto, in modo da poter tenere il controllo, per così dire.

La Tecnica di ipnosi di guarigione quantistica è un tipo di ipnosi regressiva. Si va indietro ad una vita passata e si cercano quanti più dettagli possibili perché da una vita passata si possono imparare tante cose che permettono di capire la vita attuale e le sue sfide da un punto di vista più neutrale.

La seconda fase è chiamare in causa il subconscio per parlare della vita passata che è stata appena visitata e in seguito chiedergli la guarigione che desidera.

La guarigione è generalmente il motivo principale per cui attivare il cervello quantico con l’ipnosi.
Quando tutto è completo o si è stati in trance per 2 ore, l’operatore fa uscire il soggetto dallo stato ipnotico. In genere, l’esperienza è magnifica e può cambiare la vita per sempre.

DR.-FANTECHI---Psicologo,-Psicoterapeuta-Ipnotista

MINDSET VINCENTE

Sblocca il tuo Mindset Vincente in soli 21 giorni grazie al Potere dell’Ipnosi

ARTICOLI PIU' LETTI

inizia il tuo percorso

MINDSET VINCENTE

Premium

Ottieni il massimo dal percorso individuale seguito dal Dr. Fantechi.