Cerca
Close this search box.

Gaslight: scopri cos’è, il suo significato in psicologia, i sintomi e come uscirne

gaslight

Ti senti costantemente insicuro nella tua relazione e questo si sta ripercuotendo sul modo in cui ti vedi e interagisci anche con gli altri. Ti senti spesso come se fossi pazzo perché i tuoi ricordi non coincidono mai con quelli del partner.

È probabile che tu sia vittima del cosiddetto gaslight. Si tratta di un comportamento manipolatorio che può comprendere una serie di tattiche come mentire, distrarre, minimizzare, negare e incolpare. Allora non ti resta che leggere questo articolo per comprendere meglio di cosa si tratta, e poi osservare bene la persona in questione, ciò che fa e cosa dice, per smentire o confermare la tua tesi. 

Cos’è il gaslight

Per gaslight si intende un comportamento di manipolazione psicologica, che si perpetra di solito per un periodo di tempo prolungato e che induce la vittima a mettere in dubbio la validità dei propri pensieri, della percezione della realtà o dei ricordi. Tutto ciò porta tipicamente a confusione, perdita di fiducia e di autostima, incertezza della propria stabilità emotiva o mentale e dipendenza dall’autore della manipolazione.

Cosa dice la Psicologia del gaslight

Gli psicologi affermano che il gaslighting è una forma di manipolazione che si verifica spesso nelle relazioni di abuso. Si tratta di un tipo di abuso emotivo nascosto in cui il bullo o l’abusante inganna il bersaglio, creando una falsa narrazione e facendogli mettere in dubbio i suoi giudizi e la sua realtà.

Alla fine, la vittima del gaslight inizia a sentirsi insicura riguardo alla propria percezione del mondo e si chiede persino se stia perdendo la propria salute mentale.

Il gaslighting si verifica principalmente nelle relazioni sentimentali, ma non è raro che si verifichi anche nelle amicizie basate sul controllo o nelle relazioni familiari.

Le persone che fanno gaslighting, inoltre, possono avere disturbi mentali. Usano questo tipo di abuso emotivo per esercitare potere sugli altri e manipolare amici, parenti e persino colleghi di lavoro.

Gaslight: scopri cos'è, il suo significato in psicologia, i sintomi e come uscirne

Perché si chiama gaslight? Storia, traduzione, significato

Il termine gaslight deriva da un’opera teatrale del 1938 di Patrick Hamilton, conosciuta in America come “Angel Street” e successivamente sviluppata nel film “Gas Light” di Alfred Hitchcock. Non c’è una traduzione letterale in italiano.

Nella nostra lingua, piuttosto, parliamo di manipolazione psicologica maligna, perché spesso violenta e subdola, nella quale vengono presentate alla vittima false informazioni con l’intento di farla dubitare della sua stessa memoria e della sua stessa percezione.

Nel film di Hitchcock, un marito manipolatore cerca di far credere alla moglie che sta perdendo la testa apportando sottili cambiamenti al suo ambiente, tra cui l’abbassamento lento e costante della fiamma di una lampada a gas.

Non solo sconvolge il suo ambiente e le fa credere di essere pazza, ma la maltratta e la controlla, tagliandola fuori dalla famiglia e dagli amici. Di conseguenza, la moglie inizia a mettere in dubbio se stessa, i suoi sentimenti, le sue percezioni e i suoi ricordi.

Inoltre, si sente nevrotica, ipersensibile e fuori controllo, che è l’obiettivo del gaslight: far sentire il bersaglio fuori controllo e incerto su ciò che è vero e ciò che non lo è.

Poiché questo film era una rappresentazione accurata delle azioni di controllo e tossiche che le persone manipolatrici utilizzano, psicologi e consulenti di lingua anglosassone hanno iniziato ad etichettare questo tipo di comportamento emotivamente abusivo come gaslight, e oggi questo termine viene comunemente utilizzato anche in Italia. 

Come capire se qualcuno tende a fare gaslighting: segnali e frasi

Il gaslighting è una tecnica che mina la percezione della realtà di una persona. Quindi se ne sei vittima potresti cominciare a mettere in dubbio te stesso, i tuoi ricordi, gli eventi recenti e le tue percezioni.

Dopo aver comunicato con la persona che ti sta facendo gaslight, potresti sentirti stordito e chiederti se c’è qualcosa di sbagliato in te. Potresti essere incoraggiato a pensare di essere in realtà colpevole di qualcosa o di essere solo troppo sensibile.

Il gaslighting può confondere e mettere in discussione il giudizio, la memoria, l’autostima e la salute mentale generale. Quindi può essere utile saperne di più sulle tattiche che potrebbe utilizzare una persona che ti sta facendo del male. Quindi leggi con attenzione di seguito.

  • Ti mente. Le persone che praticano il gaslight sono spesso bugiarde abituali e patologiche e presentano spesso tendenze narcisistiche.

    È tipico che mentano spudoratamente e non facciano mai marcia indietro o cambino la loro storia, anche quando li si chiama in causa o si forniscono le prove del loro inganno. Possono dire qualcosa come: “Ti stai inventando tutto”, “Non è mai successo” o “Sei pazzo”.

    La menzogna e la distorsione sono le pietre miliari del comportamento di gaslight. Anche quando è chiaro che non stanno dicendo la verità, possono essere molto convincenti e alla fine inizi a dubitare di te stesso.
  • Ti screditano. Le persone che fanno gaslight diffondono voci e pettegolezzi su di te. Possono fingere di essere preoccupati per te e dire agli altri che sembri emotivamente instabile o “pazzo”.

    Purtroppo, questa tattica può essere estremamente efficace e molte persone si schierano naturalmente dalla parte dell’abusante o del prepotente senza conoscere l’intera storia. Inoltre, chi pratica il gaslighting può mentirvi e dirti che anche altre persone pensano male di te.

    È possibile che non abbiano mai detto nulla di male, ma il manipolatore farà di tutto per fartelo credere.
  • Ti distrae. Quando fai una domanda a una persona che fa gaslight o la chiamate in causa per qualcosa che ha fatto o detto, lui/lei potrebbe cambiare argomento ponendo una domanda invece di rispondere al problema in questione.

    Questo non solo manda fuori strada il tuo pensiero, ma ti fa dubitare della necessità di insistere su una questione a cui non sente il bisogno di rispondere.
  • Minimizza i tuoi pensieri e sentimenti. La banalizzazione delle emozioni permette alla persona che ti sta facendo il gaslight di acquisire potere su di te. Potrebbe fare affermazioni come: “Calmati”, “Stai esagerando” o “Perché sei così sensibile?”. Tutte queste affermazioni minimizzano ciò che provi e pensi e comunicano che stai sbagliando anche se non è così. 
  • Ti danno la colpa. Il senso di colpa è un’altra tattica comune di gaslighting. Ogni discussione viene in qualche modo distorta in modo da attribuire a te la colpa di qualcosa che si è verificato.

    Anche quando cerchi di discutere di come il suo comportamento ti fa sentire, lui/lei è in grado di rigirare la conversazione in modo che finirai per chiederti se in realtà la colpa è tua. Per esempio, può affermare che se solo ti comportassi in modo diverso, non ti tratterebbero cosi.
  • Nega il torto. Le persone che praticano il bullismo e l’abuso emotivo sono famose per negare di aver fatto qualcosa di sbagliato. Lo fanno per evitare di assumersi la responsabilità delle loro scelte sbagliate.

    Questa negazione può far sentire la vittima del gaslighting non vista, non ascoltata e come se l’impatto su di lei non fosse importante. Questa tattica rende inoltre molto difficile per la vittima andare avanti o guarire dal bullismo o dall’abuso.
  • Usa le parole compassionevoli come un’arma. A volte, quando viene chiamata in causa o interrogata, una persona che fa il gaslight usa parole gentili e affettuose per cercare di appianare la situazione.

    Potrebbe dire frasi del tipo: “Sai quanto ti voglio bene. Non ti farei mai del male di proposito”. Queste parole possono essere ciò che si vuole sentire, ma non sono autentiche, soprattutto se lo stesso comportamento si ripete.

    Detto questo, potrebbero essere sufficienti a convincerti a lasciar correre, consentendo alla persona di sfuggire alle responsabilità o alle conseguenze del suo comportamento offensivo
  • Riscrive la storia. Una persona che fa il gaslight tende a raccontare le storie in modo favorevole. Per esempio, se il tuo partner ti ha spinto contro il muro e ne discutete in seguito, potrebbe distorcere la storia e dire che sei inciampato e che lui/lei ha cercato di sorreggerti, cosa che ti ha fatto cadere contro il muro.

    Potresti iniziare, quindi, a dubitare della tua memoria dell’accaduto. Questo comportamento incoraggia la tua confusione ed è esattamente quello l’intento.
gaslight sintomi

Come capire se sei vittima di gaslight: sintomi ed esempi

Subire gaslighting può causare ansia, depressione e altri problemi di salute mentale, tra cui dipendenza e pensieri di suicidio. Per questo motivo, è importante riconoscere prima possibile quando si è vittime di questo comportamento manipolatorio. Chiediti se una delle seguenti affermazioni ti sembra vera.

  • Dubiti dei tuoi sentimenti e della realtà: cerchi di convincere te stesso che il trattamento ricevuto non è poi così male o che sei troppo sensibile.
  • Metti in dubbio il tuo giudizio e le tue percezioni: hai paura di parlare o di esprimere le tue emozioni perché hai imparato che condividere la tua opinione di solito, alla fine, ti fa sentire peggio, quindi rimani in silenzio.
  • Ti senti vulnerabile e insicuro: spesso ti sembra di “camminare sulle uova” con il tuo partner, amico o familiare e ti senti anche nervoso e privo di autostima.
  • Ti senti solo e impotente: sei convinto che tutti pensino che sei “strano”, “pazzo” o “instabile”, proprio come dice la persona che ti sta facendo gaslighting. Questo ti fa sentire in trappola, isolato.
  • Ti chiedi se sei sbagliato: la persona che ti fa il gaslight dice parole che ti fanno sentire come se fossi sbagliato, poco intelligente, inadeguato o pazzo. A volte ti ritrovi a ripetere queste affermazioni anche a te stesso.
  • Sei deluso da te stesso e di quello che siete diventato: per esempio, ti senti debole e passivo, mentre prima eri più forte e deciso.
  • Ti senti confuso: il comportamento della persona che ti sta facendo del male ti confonde, quasi come se fosse Dottor Jekyll e Mister Hyde.
  • Temi di essere troppo sensibile: la persona minimizza i comportamenti o le parole offensive dicendo “stavo solo scherzando” o “hai bisogno di una pelle più spessa”.
  • Hai un senso di sventura imminente: hai la sensazione che qualcosa di terribile stia per accadere quando sei vicino a questa persona, e ciò può includere il sentirsi minacciati e nervosi senza sapere perché.
  • Passi molto tempo a scusarti: senti il bisogno di scusarti continuamente per quello che fai o per quello che sei.
  • Ti senti inadeguato: ti senti come se non fossi mai “abbastanza bravo”. Cerchi di essere all’altezza delle aspettative e delle richieste degli altri, anche se sono irragionevoli.
  • Dubiti di te stesso: ti chiedi spesso se ricordi accuratamente i dettagli degli eventi passati. E potresti anche aver smesso di cercare di condividere ciò che ricordi per paura che sia sbagliato.
  • Pensi che gli altri siano delusi da te e ti scusi continuamente per quello che fai o per chi sei, supponendo che le persone siano deluse da te o che tu abbia in qualche modo commesso un errore.
  • Ti chiedi cosa c’è di sbagliato in te: in altre parole, ti preoccupi di non stare bene mentalmente.
  • Hai difficoltà a prendere decisioni perché non ti fidi di te stesso: preferisci lasciare che il tuo partner, un amico o un familiare prenda decisioni al posto tuo ed eviti del tutto di prendere decisioni.

Se ti riconosci in uno o più di questi segnali di gaslight è importante cercare subito un aiuto professionale. Se non viene affrontato, il gaslighting può avere un impatto significativo sull’autostima e sulla salute mentale generale.

Ricorda che non sei responsabile di ciò che stai vivendo perché è la persona che ti sta manipolando che sceglie di comportarsi in questo modo ed è responsabile delle sue azioni. Nulla di ciò che hai fatto lo ha spinto a fare questa scelta e non sarai in grado di cambiarlo/la.

Quello che puoi fare, ora che hai preso coscienza del problema, è farti aiutare. Con il supporto di uno psicologo potrai imparare a fare scelte sane e a stabilire dei limiti con la persona che ti fa gaslight. Alla fine, potresti anche sentirti pronto ad abbandonare la relazione.

DR.-FANTECHI---Psicologo,-Psicoterapeuta-Ipnotista

MINDSET VINCENTE

Sblocca il tuo Mindset Vincente in soli 21 giorni grazie al Potere dell’Ipnosi

ARTICOLI PIU' LETTI

inizia il tuo percorso

MINDSET VINCENTE

Premium

Ottieni il massimo dal percorso individuale seguito dal Dr. Fantechi.